10 febbraio 2010

Statistica e Scienza dell’Informazione: riflessioni di uno statistico

Non so quanti di voi siano informati del fatto che la SIS, Società Italiana di Statistica, dedica una sezione del sito per pubblicare il Sis-Magazine, giornale online ricco di riflessioni. Io ho l'impressione che sia poco conosciuto nel mondo di quelli che chiamo "statistici applicati", ossia quelli che lavorano per aziende private, ovviamente in ambito statistico. E' evidente che vengono trattati anche argomenti interessanti per questo tipo di utenti.
Ebbene, lo scorso mese è stato pubblicato un articolo (veramente bello) del prof. Isabella Verdinelli, ricco di riflessioni sulle similarità e differenze tra Metodi Statistici e Metodi di Machine Learning. Questo il link, invito tutti a leggerlo!
In merito a quanto scritto, io direi che uno statistico deve essere oggi anche un informatico: deve programmare, deve lavorare con i database, deve conoscere i sistemi operativi. Inoltre, non è pensabile oggi di proporre un metodo statistico senza valutare la sua fattibiltà da un punto di vista computazionale. Lo sforzo importante, in base a quelle che sono state le mie esperienze lavorative, sarebbe quello di "orientare" maggiormente all'informatica i corsi di laurea in Statistica (...ammesso ovviamente che questo oggi non stia già accadendo...).